Antonello Sanseverino

Antonello Sanseverino Principe di Salerno, Conte di Marsico e Grande Ammiraglio del Regno di Napoli.
(1458-Senigallia 27/01/1499)
Nato nel 1458, è figlio di Roberto Sanseverino e Raimondina Orsini di Venosa. Sposò nel 1480 Costanza da Montefeltro, e fu padre di Roberto II Sanseverino (1485 – 1509) e di una figlia.
Le nozze, oltre a conferirgli indubbio prestigio e a imparentarlo con Roberto Malatesta e Giovanni Della Rovere, che avevano anch’essi sposato figlie del duca di Montefeltro, rafforzarono il suo legame con gli interessi della monarchia; un legame ulteriormente consolidato in quello stesso anno dal matrimonio tra la sorella minore Giovanna ed il figlio naturale del re, Ferrante.
Fu tra i promotori della congiura dei Baroni (1485) contro il re Ferdinando I d’Aragona, e dovette fuggire a Roma e a Venezia. Esaltando la fedeltà dei Napoletani agli Angioini e alla Francia, contribuì a indurre Carlo VIII all’impresa d’Italia (1494). Dopo la morte di Ferdinando I, fu assediato nel suo castello da Ferdinando II: sconfitto, si rifugiò a Senigallia.

Esortazione di insorgere contro i baroni ribelli, circa 1486