La Manifestazione

Tradizione, passione, storia e identità, questi sono gli elementi che caratterizzeranno l’evento che dal 17 al 19 maggio si svilupperà per le strade e le piazze del centro cittadino. Tre giorni di attrazioni, spettacoli e rivisitazioni storiche per riportarci alle antiche vicende dei Sanseverino e della loro terra.

Venerdì 17 maggio convegno di apertura (Sala del Consiglio Comunale – Piazza E. Imperio). Sabato 18 maggio Piazza E. Imperio giochi medievali, esibizioni di artisti di strada, musici, arcieri, falconieri, combattimenti, e altre attrazioni. Fiera Medievale a Piazza Garibaldi, con banchi di mestieranti e momenti di recitazione in tema. In serata la prima edizione della Giostra dei Sanseverino, Piazza E. Imperio: si sfideranno, in un’affascinante competizione antica, 12 cavalieri che correranno per le frazioni di Mercato San Severino e le loro nobili famiglie. Domenica 19 maggio in mattinata si potranno effettuare visite presso il Castello, ci saranno sessioni di giochi medievali ed esibizioni in Piazza E. Imperio. Alle 11.30 nella chiesa di S. Giovanni in Parco, la Santa Messa accompagnata da canti gregoriani ed in piazza Garibaldi la prosecuzione della Fiera. Nel pomeriggio il corteo storico parte da Piazza Dante rievocando la partenza della principessa Costanza e raggiungerà piazza E. Imperio, concludendosi con la rappresentazione teatrale sulle gesta dei Sanseverino. In chiusura ci sarà l’esibizione dei Pistonieri S. Maria del Rovo che con la loro tipica arma Trombone rievocheranno l’assedio al castello del 1486.

La storia di Mercato S. Severino è ricca e affascinante. La città eredità un passato che l’ha vista protagonista degli eventi e delle vicissitudini più importanti della storia d’Italia e d’Europa. I Sanseverino con le loro gesta ed i loro rapporti rappresentano un bagaglio storico e culturale che ci rende orgogliosi ma allo stesso tempo ci obbliga a tutelare, conoscere e valorizzare questo patrimonio. Il Comune di Mercato S. Severino organizza questo evento per promuovere il suo territorio attraverso la valorizzazione delle radici storiche e culturali, esaltandone le attuali potenzialità turistiche.